• Anziani

L'Alzheimer coinvolge in Italia 700.000 pazienti e milioni di familiari che si prendono cura giorno e notte di chi soffre di questa malattia.

Uno degli ostacoli alla cura dell'Alzheimer è rappresentato dall'assenza di sintoni inequivocabili nelle prime fasi della malattiva. Quando si arriva ai buchi di memoria, solitamente la demenza è già conclamata.

Il decorso della malattia è lento e in media i pazienti possono vivere fino a 8-10 anni dopo la diagnosi della malattia. Purtroppo non esistono farmaci in grado di fermare e far regredire la malattia e tutti i trattamente disponibili puntano a contenere i sintomi.

Non abbandonare mai chi ti ha curato con tanto amore, chi ti ha cresciuto con mille sacrifici e mille rinunce.
E se un giorno non ti riconoscerà, tu prendi la sua mano e stringila nella tua...le basterà.

La Carta dei diritti a cura della Fondazione Alzheimer

Scopo fondamentale della Federazione è la salvaguardia della qualità della vita dei malati di Alzheimer e di coloro che se ne prendono cura attraverso la tutela dei seguenti diritti:.

  • diritto del malato ad un rispetto e ad una dignità pari a quella di ogni altro cittadino;
  • diritto del malato ad essere informato, nelle fasi precoci della malattia, e dei congiunti o rappresentanti legali in qualsiasi fase della stessa, per quanto possibile, sulla sua malattia e sulla sua prevedibile evoluzione;
  • diritto del malato (o del rappresentante legale) a partecipare, per quanto possibile, alle decisioni riguardanti il tipo di cura e di assistenza presente e futura;
  • diritto del malato ad accedere ad ogni servizio sanitario e/o assistenziale al pari di ogni altro cittadino: questo diritto implica che attenzioni particolari siano rivolte affinchè i malati con AD possano realmente accedere a certi servizi da cui la loro mancanza di autonomia tende ad allontanarli;
  • diritto del malato di disporre di servizi specializzati, che affrontino specificamente i problemi della demenza;
  • diritto del malato e di chi si prende cura di lui di scegliere fra le diverse opzioni di cura/assistenza che si prospettano;
  • diritto del malato, considerata la sua vulnerabilità, ad una speciale tutela e garanzia contro gli abusi fisici e patrimoniali;
  • diritto del malato, in assenza di rappresentanti legali, o nel caso in cui i potenziali rappresentanti legali rifiutassero la tutela, di avere per legge un tutore ufficiale scelto dal tribunale.
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta