In occasione del mese dedicato al Care Giver (chi si prende cura di un proprio caro malato, disabile, non autosufficiente), abbiamo deciso di aprire le porte della Casa di Riposo a tutto il territorio romano e in particolar modo al borgo di Nerola. Qui il programma dettagliato dell'evento.

Una corretta alimentazione influisce positivamente sullo stato di salute e sulla qualità di vita delle persone. Ciò vale anche per gli anziani che, a causa del cambiamento dello stile di vita, hanno particolari esigenze alimentari. Le indicazioni riportate si riferiscono all'anziano che non presenta particolari malattie poiché diete personalizzate e specifiche sono formulate dal nostro staff medico.

Gli anziani mangiano tutto. E’ vero?
Dopo la respirazione, l’alimentazione è il processo fisiologico più importante per la sopravvivenza. E’ fondamentale per tutti assumere corrette abitudini alimentari e lo è ancora di più durante la terza età. Il nostro obiettivo è dare una corretta e sana alimentazione, personalizzata nel caso siano presenti intolleranze, allergie o prescrizioni mediche con un occhio (e un cuore) sempre attento a non sprecare cibo.

Secondo il Rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità le persona affette da demenza nel 2010 erano 35,6 milioni, raddoppieranno nel 2030 e triplicheranno nel 2050 con 7.7 milioni di nuovi casi all’anno (uno ogni 4 secondi). Si stima che in Italia ci siano più di 1.200.000 pazienti con demenza di cui circa 600.000 malati di Alzheimer. Sembra che tre quarti delle vittime di questa malattia degenerativa non ricevano una diagnosi tempestiva, spesso come risultato del falso convincimento che la demenza faccia parte del normale invecchiamento.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta